Le mostre della Repubblica delle Idee 2017 a Bologna

Sono tornata solo pochi giorni dalle mie ferie, trascorse nella pace del mio piccolo paese in Basilicata in compagnia dei miei gatti e della mia famiglia, e ritrovo una Bologna afosa e impegnata in un susseguirsi di eventi. Se ci siamo buttati alle spalle il G7 Ambiente tra polemiche e incontri ai vertici, è in arrivo a Bologna La Repubblica delle Idee, una tre giorni di incontri promossa dal quotidiano La Repubblica tra i lettori e i protagonisti dell’attualità come giornalisti, scrittori e fotografi. Infatti, Roberto Saviano, Lo Stato Sociale, Laura Boldrini, Samantha Cristoforetti solo per citarne alcuni tra i protagonisti che animeranno la città emiliana dal 15 al 18 giugno 2017.  Allora agenda alla mano e via, si parte!

Paolo Pellegrin. Magnum - Contrasto - New York Times

Paolo Pellegrin. Magnum – Contrasto – New York Times

Per quanto riguarda invece la fotografia, il primo appuntamento si terrà  venerdì 16 alle ore 17 a Palazzo Re Enzo con Paolo Pellegrin. Il fotografo italiano racconterà “Terre Spezzate. Il grande caos del mondo arabo”, ultimo progetto che ha ottenuto il Premio Bastianelli 2017 come miglior libro fotografico pubblicato in Italia. Le terre spezzate immortalate negli scatti del fotoreporter e nelle parole dello scrittore Scott Anderson, sono quelle del Medio Oriente scenario delle calde primavere arabe. Ne scaturisce un racconto di una terra dura e fragile allo stesso tempo, terra natia dell’ ISIS costantemente in rivolta ma che dimostra quanto la civiltà sia fragile e bisognosa di protezione. Il lavoro è testimonianza anche di una collaborazione tra fotografia e letteratura che ha visto celebri precedenti come Un Paese (1952) di Zavattini e Strand o Let Us Now Praise Famous Men (1941) James Agee e Walker Evans.

Ramak Fazel, Adrian Hardy, 2016

Il MAST di Bologna ospiterà mostre di fotografia visitabili nei giorni della manifestazione e tratteranno argomenti di attualità da Trump al sisma fino ad arrivare ai reportage di R2. La prima mostra è stata realizzata dal fotografo di origine iraniana Ramak Fazel, che si è concentrato sui volti degli americani sostenitori di Donald Trump durante la campagna alla Presidenza degli Stati Uniti. Lo stesso fotografo terrà inoltre un workshop dal titolo “Come si fa un ritratto fotografico” e interessante sarà anche l’intervento di venerdì 16 (Anche i bambini. Le foto della strage degli innocenti sui media) e domenica 18 del giornalista Michele Smargiassi, “Come fare una foto con il cellulare” Ci sarà il collettivo TerraProject che, insieme a giornalisti de La Repubblica, hanno realizzato un reportage sulle zone colpite dal sisma ad Amatrice e dintorni dove alleggia, nonostante tutto, una speranza di rinascita. A completare un sguardo fotografico sul mondo contemporaneo e non, ci saranno i reportage di approfondimento R2 realizzati da La Repubblica.

Per l’intero programma, qui.