Missione Savignano sul Rubicone!

Untitled-1

Un altro bel sabato trascorso in trasferta grazie ad una lunga chiacchierata tra amici, uno scambio di esperienze e pensieri tra addetti ai lavori, fotografi e semplici appassionati (come me). Quella che si andava a concludere era una settimana pesantina a causa di una sveglia programmata alle 7:30 per andare a lavoro, quella che non sentiresti nemmeno con le cannonate! Doppio caffè e un cornetto di mattina, pranzo al volo e di corsa in stazione per raggiungere Savignano sul Rubicone. L’occasione di scendere nella ridente Romagna, è stata l’inaugurazione della mostra fotografica “Con un fil di luce- trame e ordini stenopeici” e la conoscenza di parte del team SI Fest OFF, la faccia indipendente del festival di fotografia che chiude ogni anno l’estate delle grandi manifestazioni nel campo della fotografia.

3

Inaugurazione “Con filo di luce”, Vecchia Pescheria, Savignano s/R (FC)

Ho avuto il piacere di conoscere Francesca, addetta alla comunicazione, Tomas Maggioli, Direttore Artistico del SI Fest OFF, Mario Beltrambini, fotografo e anima dell’ Associazione Cultura & Immagine e infine,  l’Assessore alla cultura del comune di Savignano, Maura Pazzaglia. Una squadra affiatata, variegata per età e per professionalità ma tutti uniti da un progetto comune, ovvero portare e mantenere viva la fotografia in un piccolo paese di 17mila abitanti circa. Un giro nel centro storico che, quel pomeriggio, si preparava tra bancarelle vintage e piadine, ad accogliere un altro interessante evento musicale, “Il rock è tratto”. Protagonisti? Calcutta e Motta, nomi emergenti del panorama italiano, tanto acclamati e seguiti…anche da me! Scusate! 😛

13433362_1245532572154062_6141078999150585143_o

Tornando alla fotografia, la mostra, aperta fino al 3 luglio, è allestita presso la Vecchia Pescheria, riunisce un collettivo di dieci fotografi romagnoli (Antonio Amico, Mario Beltrambini, Silvio Canini, Sauro Errichiello, Giancarlo Farabegoli, Giulia Marchi e Gloria Salvatori) intorno all’uso di quel “filo di luce” che si chiama fotografia stenopeica. Ne scaturiscono volti e strade, paesaggi e scorci quali trame e ordini di un tessuto vero e soprendente, paziente come solo la fotografia è. La mostra è stato per me solo un piccolissimo assaggio di quello che sarà il SI FEST e in particolar modo, il SI FEST OFF, dal 9 all’11 settembre 2016. Il circuito OFF ha aperto ufficialmente il bando 2016 alla ricerca di progetti non solo fotografici ma donando come sempre uno sguardo alle arti visive a 360°: performance, istallazioni e video. Sarà un’edizione speciale perché si celebreranno i 25 anni del festival!