The Smiths in mostra per i 30 anni di “The Queen is Dead”

“Circondati di musica perché la musica ti salva”. Questo il consiglio di un amico che mai fu più vero! Dai momenti più felici a quelli più malinconici, ho sempre avuto una colonna sonora, un gruppo o un cantante scoperti per caso o già conosciuti che mi ha fatto compagnia quando ne avevo bisogno. Così molto spesso mi capita di legare i miei ricordi ad una canzone come quelle de The Smiths, gruppo inglese degli anni ’80, uno dei miei preferiti di sempre: conosciuti grazie ad un programma tv e poi mai più mollati. Ebbero vita breve, solo 3 anni circa di attività (1984-‘87) ma il loro eco si sente tutt’ora. Concerto di Morrissey (2014 a Bologna), discografia in esposizione, e il Salford Lads Club di Manchester visitato (marzo 2016).

IMG_1891

Chi non conosce l’iconica foto degli Smiths davanti al Lads Club a Salford? Tra il disordine generale di cui ovviamente chiedo venia, quell’ immagine in camera mia non poteva mancare, accanto alla locandina di Blow Up e la cartina della mia Irlanda. The Lowry Salford Gallery omaggia gli Smiths per il 30° anniversario il loro capolavoro, pietra miliare della musica new wave, The Queen Is Dead (pubblicato nel giugno 1986) con la mostra A dark day in Salford with The Smiths delle foto scattate da Stephen Wright. Inaugurata lo scorso 9 aprile, rimarrà visitabile fino al 5 giugno 2016 e si compone di circa 36 foto scattate con una Nikon da 150 £ in una fredda e nuvolosa giornata del 1985.

Untitled-1

Wright iniziò la sua carriera come fotografo durante i concerti immortalando le performance dei più grandi nomi dell’ industria musicale come Madonna, Prince, Nina Simone, New Order e James Brown. Foto poi pubblicate in tutte le riviste e libri a livello internazionale diventando una piccola parte dell’ immaginario della storia musicale moderna.Per capire il successo delle immagini scattate da Wright, lo scorso anno “la” fotografia fu donata al Salford Lads Club per stamparla su una maglietta venduta per beneficenza. Prezzo? 60’000 £!!! Quello stesso scatto attualmente fa parte della collezione della National Portrait Gallery di Londra.

JS85803498

(…e la voglia di fuggire c’è ancora)