TransizioniDUE: la terza edizione a Bergamo

Transizioni di nome e di fatto. Dopo le prime due edizioni che hanno visto Bologna quale scenario ideale per ospitare la “fotografia in movimento”, Transizioni – Rassegna Internazionale del film fotografico, si trasferisce a Bergamo. Infatti la città lombarda ospiterà dal 30 marzo al 2 aprile 2017 più di 50 opere di autori internazionali tra multimedia, slideshow e video ad accogliere un pubblico sempre più curioso verso questa nuova realtà. Le vie bergamasche ospiteranno non solo proiezioni anche per concerti, incontri e workshop per accompagnare il pubblico verso la scoperta di una nuova fotografia, non più solo supporto ma soprattutto narrazione dinamica. La Direzione artistica è affidata sempre a Francesco Acerbis che abbiamo conosciuto la scorsa settimana svelandomi anche qualche novità.

Nora Hedëgus, Vanitas Vanitatum

Nora Hedëgus, Vanitas Vanitatum

Si parte giovedì 30 marzo con l’inaugurazione presso il chiostro del Carmine del Teatro Tascabile di Bergamo dove ci sarà alle ore 20 una proiezione concerto e un’improvvisazione sulle opere Demos Oneiroi di Sophie Knittel e Le voyage fantastiche di Sarah Buillaud. Le due fotografe non sono le uniche coinvolte nel turbinio fotografico, desiderosi di mostrare i propri lavori e di farvi riflettere su temi sociali e culturali legati alla contemporaneità ci saranno anche i lavori di Martin Catillo e Florecia, Cecilia Lutufyan, Yannay Matarasso & Daniella Merez, Gian Marco Sanna, Nora Hegedüs, Antonio Jacob Martinez, Josefa Elorza, Anne Deguénègny, Diego Pereira, Amelie Loser, Virginia Plauchut & Alexandre Llebert, Malte Euler, Trey Ratcliff, Alfredo Lima Carriòn, Katazyna Vidmanska e Amadeus Wrobel, Philip Watts, Christian Clavermla e tanti altri! Non mancheranno inoltre i dieci finalisti 2016 del premio internazionale Nouvelles Ecritures.

Malte Euler, EYE SEE YOU

Malte Euler, EYE SEE YOU

Novità nella novità. Oltre al cambio di location, Transizioni DUE propone due suite legati all’attualità: TransGENERI e TransIRE. Il primo, in collaborazione con il Festival Orlando, tratta il tema del genere presentando le storie di nove fotografi che affrontano un tema così attuale ma difficile da spiegare ancora. TransIRE invece vuole approfondire l’immigrazione attraverso lo sguardo di fotografi in viaggio fisico e mentale dei diretti interessati. TransizioniDUE è stato realizzato con il sostegno di abenergie e con il patrocinio di: Ateneo Scienze Lettere ed Arti di Bergamo. Partner: Corridor Elephant, Free Lens, Zoom Photo Festival, Teatro Tascabile di Bergamo, Lab80 Film, Orlando, Fondazione Bergamo nella storia, Maite, Querenghicinquanta, Spazio Cam e Punto a capo Libri.

Il programma qui.