‘Whatever’: la sottocultura rave secondo Chiara Fossati

whatever chiara fossati cesura

Ho avuto un’adolescenza tranquilla, nessun gran dramma in particolare. I miei genitori non mi hanno mai fatto mancare nulla: andavo a scuola, uscivo con le amiche il sabato sera e due volte a settimana avevo gli allenamenti di pallavolo. Ovviamente qualche litigata c’era ma tutto nella norma.

Parallelamente esistono altre storie (ma va la scoperta dell’acqua calda) di adolescenti che hanno avuto altre esperienze come quella di Chiara Fossati racconta in Whatever, il suo nuovo libro edito da Cesura Publish

whatever chiara fossati cesura

© Chiara Fossati

Qual è il mondo senza regole che descrivi (e sognavi) in Whatever? Hai affermato di aver vissuto in questa speciale famiglia adottiva durante l’adolescenza,  Cosa vuol dire per te averne fatto parte? 

Ricordo perfettamente la prima volta che sono andata ad un rave perché per la prima volta non mi sentivo sbagliata né diversa. Sono cresciuta in provincia con tanta fame di vita e tanti sogni, e quello che la società si aspettava da me mi stava veramente stretto. Tutti i ragazzi che ho conosciuto alle feste avevano una visione molto simile alla mia, che sostanzialmente si basava sul fatto che nessuno poteva dirti quello che dovevi essere, né come apparire, né qual’è il limite dei tuoi desideri. E averne fatto parte, specialmente in un periodo così formativo come l’adolescenza, è stato sicuramente fondamentale per gettare le basi della persona che sono ora, e anche se sono cambiate tante cose, sicuramente è in quel periodo che ho imparato a non smettere mai di inseguire i miei sogni e di lottare per essi.

whatever chiara fossati cesura

© Chiara Fossati

Perché ripescare dal passato queste fotografie e decidere di farne un libro ?

In realtà l’idea di farne un libro è di Arianna Arcara, mia collega e amica di Cesura, che ha anche curato il libro insieme ad Alex Majoli. Oltre al fatto che sarebbe stato un peccato lasciare tutti quei negativi chiusi in un baule, ora è sicuramente passato abbastanza tempo per poter guardare alla sotto cultura rave in un modo differente, riconoscendogli i giusti meriti.

whatever chiara fossati cesura

© Chiara Fossati

Che tipo di pregiudizi ci sono nei confronti della cultura rave? Cosa non capisce chi non ne fa parte?

Ho sentito mille volte e purtroppo continuo a sentire un sacco di commenti di persone esterne che liquidano i raver come un gruppo di sballoni che cercava solo un luogo per potersi drogare. La superficialità di queste persone è spaventosa, e lo è ancora di più quando arriva da tastiere di gente che probabilmente ha passato l’adolescenza senza mai guardare oltre al proprio naso. Noi abbiamo passato la nostra a viaggiare per l’Europa, diventando indipendenti, conoscendo centinaia di persone, confrontandoci con culture e facendo progetti. Vivendo insomma.

whatever chiara fossati cesura

© Chiara Fossati

Con Whatever speri di eliminare questi pregiudizi?

Whatever non vuole essere un manifesto della cultura rave, ci sono sicuramente altre persone che hanno raccontato in maniera più globale e dettagliata questo movimento, io mi sono limitata a raccontare la mia esperienza personale al suo interno, cercando di mostrare le mille sfaccettature che nasconde oltre la sua facciata.
 I pregiudizi sono difficili da cancellare, ma almeno spero di incuriosire e magari emozionare le persone che guarderanno il libro e si troveranno davanti vite e persone vere che hanno tante cose da raccontare.
Acquista Whatever 

Chi è Chiara Fossati

whatever chiara fossati cesura

wwui99 034

Chiara Fossati si forma come fotografa allo Studio Fondazione Marangoni di Firenze e al Goldsmith College di Londra (master in fotografia e culture urbane) ed entra poi a far parte del collettivo fotografico CESURA. Qui lavora anche come assistente del fotografo Alex Majoli, al tempo presidente di Magnum Photos.

Nell’estate 2014 prende parte al Danube Revisited: The Inge Morath Truck Project, dove ricopre il doppio – e insolito – ruolo di fotografa e camionista. Dal 2016 ha lavorato come studio manager per il fotografo Davide Monteleone e ora per l’artista Paolo Ventura. Dal 2017 insegna storia della fotografia contemporanea allo IED di Milano.

Nel 2018 vince il Premio Marco Pesaresi per la fotografia contemporanea con il suo progetto Villaggio dei Fiori. Dal 2020 ritorna a far parte del collettivo CESURA, con cui ha appena pubblicando il suo primo libro: Whatever.

Leave a Comment.